Espressioni facciali, emozioni e chirurgia estetica…

Siamo sicuri che la chirurgia estetica faccia bene? E vi siete mai chiesti se un “ritocchino” al volto possa compromettere la vostra capacità di produrre espressioni facciali emotivi specifiche?

I risultati di uno studio effettuato alla University of Wisconsin-Madison, presentato recentemente alla riunione annuale della “Society for Personality and Social Psychology”, in corso di pubblicazione sulla rivista “Psychological Science”, indicano che l’uso della tossina botulinica può influire nel processamento di alcune emozioni.
In particolare le persone sottoposte a trattamenti con tossina botulinica per attenuare le rughe nel terzo superiore del viso provavano difficoltà non solo a mostrarsi accigliate, ma impiegavano più tempo nel cogliere la valenza emotiva di espressioni verbali corrispondenti ad emozioni negative (ostilità, rabbia, paura), mentre non mutava la capacità di riconoscere prontamente quella relativa ad emozioni positive (speranza, desiderio, gioia, felicità).
L’indagine, guidata da Davis Havas, ha preso in esame 40 soggetti che avevano fatto uso di tossina botulinica. Dopo il trattamento con la tossina le persone hanno un’espressione più distesa perché la loro capacità di reclutare i muscoli coinvolti nella tipica corrugazione della fronte è parzialmente disattivata (la distensione dei muscoli corrugatori del sopracciglio è indotta dal farmaco). Per testare come l’inibizione dell’espressione accigliata potesse influenzare la comprensione del linguaggio relativo alle emozioni, Havas ha chiesto ai pazienti di leggere alcuni frasi prima e dopo due settimane dal trattamento con la tossina, misurando i tempi di lettura e comprensione della valenza emotiva. Le frasi esprimevano rabbia o disappunto, tristezza (ad esempio, “apri la tua e-mail box per il tuo compleanno e non trovi nessun messaggio di auguri) o senso di benessere.
I risultati non mostrano alcun cambiamento nel tempo necessario a comprendere i messaggi riferiti ad emozioni positive. Tuttavia, dopo il trattamento con la tossina botulinica, i soggetti impiegavano un tempo maggiore nel valutare correttamente le frasi che esprimevano rabbia e tristezza.
Ciò conferma in modo indiretto l’ipotesi del feedback facciale: l’espressione del volto è intimamente legata anche alla capacità di “sentire” e riconoscere le emozioni.

Tratto da: www3.lastampa.it/scienza

Tag: , ,

4 Risposte to “Espressioni facciali, emozioni e chirurgia estetica…”

  1. Andrea Says:

    Articolo interessante. Utile per approfondire il proprio parere (positivo o negativo che sia) riguardo le ormai infinite possibilità della chirurgia estetica. Grazie.

  2. paopasc Says:

    ciao, ho visto un tuo commento da Andrea. Hai un bel blog. Mi piace questa relazione scovata tra mimica facciale e repertorio espressivo emozionale. Da approfondire, anche per alcuni risvolti che mi interessano.

  3. PsycHomer Says:

    Alla fine gira che ti rigira tra tutti e tre tempestiamo la rete di messaggi…

  4. ariemma Says:

    Interessantismo. La chirurgia estetica limita la nostra espressione. In tutti i sensi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: