Life Skills: “le competenze per la vita”, ovvero le competenze psicosociali per affrontare al meglio le esigenze della vita

 

Oggi parliamo di Life Skills. Ma cosa sono? Quali sono? Come si potenziano?

Bada definisce le life skills come competenze i carattere cognitivo, sociale, emotivo e relazionale psicosociali che consentono di affrontare al meglio le esigenze e i cambiamenti che la vita quotidiana presenta.
Il tema delle life skills si inserisce e assume importanza con lo sviluppo, in psicologia, del modello bio-psico-sociale orientato allo studio della persona come sistema complesso e integrato e della cosiddetta psicologia positiva. Con questo cambio di rotta si passa dal semplice concetto di cura a quelli di prevenzione e promozione.
Ed  è proprio a livello di promozione che si lavora agendo sul potenziamento delle life skills, principalmente con soggetti giovani.
Si tratta di un insieme di abilità attraverso le quali le persone mantengono una condizione di benessere mettendo in atto comportamenti positivi ed  adattivi. Letteralmente il termine life skills è composto da Skills  (abilità) e Life (riferimento al più ampio orizzonte della vita nel suo completo).
Le 3 sfere di competenze principali sulle quali si lavoro sono la sfera cognitiva, quella relazionale e quella emotiva.

Per l’OMS e l’UE negli ultimi anni la Life Skills Education è diventato uno degli obiettivi primari dell’educazione. All’interno del concetto di dovere/diritto dei giovani di oggi di assumersi la responsabilità della propria salute un’educazione, principalmente scolastica, orientata all’empowerment di tali abilità fondamentali nella vita di ognuno rappresenta una strategia di promozione e prevenzione fondamentale.
Da un’educazione passivizzante, senza motivazioni e proponendo delle soluzioni preconfezionate si passa a un’educazione basata sul potenziamento e sull’assunzione di responsabilità da parte del singolo.
Il lavoro sulle Life Skills può portare a effetti significativi sia sul benessere mentale, che sulla salute fisica e sul comportamento dei soggetti.
Si arriva così a creare un vero e proprio circolo virtuoso: maggiori competenze e abilità vengono acquisite, maggiori saranno le opportunità per potenziare le stesse.
Come detto le life skills possono essere distinte in cognitive (problem solving, decision making, creatività…), emotive (empatia, gestione dello stress..) e relazionali (capacità relazionali).

Dalla prossima volta vedremo, una per una, le principali life skills studiate!
A presto!

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: