Aspetti edonici del benessere: la soddisfazione di vita

 La soddisfazione di vita (LS) è definita come la valutazione cognitiva della propria vita nel suo complesso o meglio come la valutazione soggettiva della qualità di essa (Diener & Diener, 1995).
Secondo Frisch (2000) essa può essere descritta, più nello specifico, come una “valutazione soggettiva del grado in cui i più importanti bisogni, obiettivi e desideri del soggetto sono stati soddisfatti”. Essa è considerata come un importante indicatore del benessere psicologico in quanto gioca il ruolo di potenziale “cuscinetto” contro gli effetti negativi delle situazioni stressanti e contro lo sviluppo di comportamenti psicopatologici.
In generale, valutazioni positive di soddisfazione sono legate alla felicità e al raggiungimento di una “good life”, mentre valutazioni negative sono associate a depressione e infelicità.
Nello specifico una buona soddisfazione di vita è legata a interazioni sociali positive, creatività, coinvolgimento attivo nella comunità, minor numero di disturbi fisici e una vita più lunga (Veenhoven, 1988). Dall’altro lato, bassi livelli di soddisfazione sono predittori di esiti negativi nell’adattamento, di depressione, rifiuto interpersonale, comportamenti aggressivi  e abuso di alcol e droghe.

Nel corso del tempo sono stati molti e diversi i modelli che hanno cercato di spiegare e definire tale costrutto.
Tali modelli possono essere classificati in due macrogruppi: i modelli unidimensionali (soddisfazione globale e soddisfazione generale) e i modelli multidimensionali.

I primi condividono l’idea che un singolo punteggio totale possa rappresentare diversi livelli di LS. In particolare, il modello di soddisfazione generale assume che il punteggio totale di LS dovrebbe consistere nella somma dei punteggi di soddisfazione in differenti domini (soddisfazione con gli amici, in famiglia, a scuola…). Al contrario il modello di soddisfazione globale sostiene che essa debba essere valutata attraverso elementi “context-free” (per esempio “Ho una buona vita”). 
La seconda categoria comprende, invece, i cosiddetti modelli multidimensionali per i quali il profilo di soddisfazione di vita globale andrebbe misurato valutando nel dettaglio la soddisfazione in singoli domini di vita.

Si inserisce in questo gruppo il modello gerarchico di soddisfazione di vita di Huebner (1998) il quale sostiene che la LS sia strutturata in cinque domini specifici di secondo ordine (scuola, famiglia, amici, sé, ambiente di vita), inclusi in un unico fattore di soddisfazione globale di ordine superiore. Gli autori che si inseriscono all’interno di questa visione teorica sostengono che la prospettiva multidimensionale permetta di ottenere una valutazione più precisa ed esaustiva del livello di soddisfazione, garantendo anche di creare profili più specifici e differenziati tra i soggetti.

E’ in conformità a tali modelli che sono stati ideati e creati i più importanti strumenti di valutazione della LS come la Satisfaction With Life Scale (Diener & al., 1995) che è una misura globale di soddisfazione o la Multidimensional Student’s Life Satisfaction Scale che nasce, invece, sulla base di una visione multidimensionale. 

Tag: , ,

Una Risposta to “Aspetti edonici del benessere: la soddisfazione di vita”

  1. lastanzadipsiche Says:

    ciao, ho inserito il tuo blog nei miei preferiti, ti andrebbe di fare la stessa cosa? Il mio blog è nato da pochi giorni ma crescerà!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: