Posts Tagged ‘Video’

Gianni Ferrario…un giullare d’impresa!

aprile 4, 2011

Un giullare in azienda…è questo ciò che cerca di fare Gianni Ferrario con il suo “Teatro d’impresa”.

Gianni Ferrario (attore-autore teatrale, form-attore, trainer, performer) opera a livello internazionale proprio in veste di giullare d’impresa, conducendo workshop esperienziali nell’ambito di percorsi formativi e dando vigore ad eventi e convention aziendali.
Oltre che nelle aziende,somministra pillole di sorriso anche in teatri, scuole, ospedali, gruppi e comunità.
Il suo metodo? La Terapia della risata combinata con altre tecniche molto originali ,mutuate dal mondo del teatro, al fine di facilitare la creatività e migliorare il clima nelle organizzazioni.
Perchè all’inizio forse il riso è forzato…ma poi si trasforma in risata collettiva e coinvolgente!!

Quali sono i contributi del giullare nelle organizzazioni? Secondo Gianni Ferrario sono veramente tanti!!! Eccone alcuni…

– Utilizza il linguaggio universale della risata, la comicità,
– Le sue arti spiazzanti da sano “provocatore” risvegliano il corpo e rischiarano la mente;
– Fluidifica la linfa vitale che collega le persone tra di loro;
– Apre nuove sinapsi comunicazionali;
– Accorcia la distanza tra le persone creando empatia;
– Aiuta ad accettarsi reciprocamente;
– Smorza le ostilità e sdrammatizza i conflitti inutili;
– Fa uscire dagli schemi abituali, generando emozioni e percezioni nuove;
– Genera un’atmosfera di buon umore e ottimismo che crea benessere (star bene insieme);

A parole probabilmente non renderà l’idea…ma fidatevi…assistere a un suo spettacolo fa veramente bene alla mente e al cuore!!

Se siete curiosi, interessati, dubbiosi o volete semplicemente saperne di più:
Sito internet: www.terapiadellarisata.it
Libro “Ridere di cuore”
Video : Youtube – Canale terapia della risata

Tratto da: lapsicologiadelsorriso.blogspot.com/

Annunci

Uno spot sullo stress da traffico!

marzo 25, 2010

E dopo avervi descritto brevemente di cosa si tratta quando si parla di Traffic Stress Sindrome vi presento una pubblicità progresso, creata da due mie colleghe studentesse (Elisabetta Bassani e Laura Barlocco) creato per promuovere la presa di consapevolezza del problema e cercare di far capire alla gente comune come lo stress possa avere ripercussioni sulla loro salute, fisica e mentale.

come già detto, il tema dello stress da traffico non è mai stato particolarmente trattato, nè dalla psicologia, nè da altre discipline. Con la nascita della psicologia del traffico però si crede oggi che sia molto importante andare a lavorare non solo sui meccanismi percettivi e decisionali che intervengono durante la guida, ma anche sui fattori psicologici che possono entrare in gioco e produrre una riduzione del benessere, proprio come lo stress.

Il video appare così uno dei pochi esempi di attenzione a questo concetto e diventa un importante mezzo per farprendere consapevolezza alla gente comune che il problema esiste…e purtroppo colpisce quasi la metà della popolazione!

Non restare nel buio!lascia che qualcuno ti accenda la luce… Creazione di un artefatto intermodale per la prevenzione della depressione

marzo 10, 2010

Oggi voglio pubblicare e farvi vedere un video che ho creato, insieme a una mia comapgna, all’interno del corso di Comunicazione per il benessere, all’università.

si tratta di uno spot, di una pubblicità progresso sul tema della prevenzione di malattie. Avevamo il compito di definire il target, le intenzioni, i contenuti e tutti gli elementi di realizzazione.

Ecco il risultato! Niente di eccezionale a livello tecnico…ma speriamo che il messaggio arrivi!

L’oggetto dello spot realizzato è la depressione, come forma di disagio psicologico che colpisce, oggi, una vasta fetta di popolazione, soprattutto giovanile.

La campagna pubblicitaria si inserisce così all’interno dell’ambito della prevenzione contro malattie e forme di disagio, al fine di sensibilizzare la popolazione a questo problema, per arginare il dilagare di questa patologia e, in particolare, per diminuire la sua incidenza tra i giovani. Per fare questo lo spot non pone l’attenzione sulla descrizione dei sintomi, sulle modalità attraverso le quali la persona può guarire o sulle associazioni alle quali può rivolgersi per essere aiutata, ma si focalizza sulla presa di consapevolezza che fa nascere nei fruitori la volontà di chiedere aiuto.
L’obiettivo di base, in termini di benessere, è, quindi, quello di far scaturire il desiderio di essere aiutati, spingendo i soggetti a cercare e richiedere un aiuto. Si tratterebbe quindi di una sorta di potenziamento dell’autoefficacia dei soggetti colpiti da questa patologia.

Ad un altro livello lo spot si propone anche di sviluppare un senso di responsabilità all’attenzione e al sostegno nelle persone che si trovano a vivere a contatto con soggetti che manifestano i sintomi di questo disagio.

Per quanto riguarda la gerarchia intenzionale alla base dello spot sono state individuate le seguenti intenzioni comunicative:

  • presa di consapevolezza nei soggetti che presentano i sintomi di una depressione della possibilità di ricevere un aiuto concreto
  • spinta a ricercare l’aiuto, potenziando l’autoefficacia e la forza di volontà
  • sensibilizzare la popolazione a offrire sostegno e aiuto alle persone che manifestano il disagio
  • porre in contrasto la quotidianità e la normalità di una vita serena e ottimista (luce) alla situazione di depressione e mancanza di interesse per la vita (buio)
  • favorire l’identificazione percettiva del soggetto utilizzando la tecnica del “point of view shot” e mostrando al fruitore il mondo come visto dagli occhi del protagonista
  • favorire il coinvolgimento e l’immersività: rendere lo spot facilmente fruibile e con impatto a livello emotivo
  • emozionabilità: far nascere sintonizzazione emotiva e empatia
  • memorabilità: creare una struttura narrativa semplice e facilmente fruibile a livello cognitivo e inserire un elemento (contrasto luce/buio) che colpisca e venga ricordato
  • creare una sinergia tra codici diversi al fine di rendere maggiormente efficace l’espressione del significato

Identificando 2 intenzioni comunicative diverse alla base dello spot (la spinta a chiedere aiuto e la disponibilità ad aiutare) è possibile suddividere il target di riferimento in due macrogruppi:

  • i soggetti che si trovano a vivere sintomi tipici della depressione, sia in una fase iniziale che in una fase di disagio più avanzato
  • la popolazione generale e, in particolare, chi si trova a vivere a contatto con soggetti che manifestano questo problema o mostrano sintomi che potrebbero indurre a ipotizzare il possibile sviluppo della patologia

In generale lo spot sarebbe rivolto principalmente ad un target giovanile, porzione di popolazione oggi maggiormente a rischio.

Altre informazioni sui nuovi psicologi di quartiere!

ottobre 20, 2009

Parlando nuovamente di questa interessantissima iniziativa (come già fatto in un post precedente!) vi segnalo l’indirizzo del sito internet creato al fine di meglio speigare e diffondere questo servizio, un filmato-intervista e un articolo interessanti.

L’articolo è apparso su “Il Corriere della Sera”..non è presente in formato digitale ma solo sottofroma di pdf cliccando qui

Il sito internet è www.psicologiainfarmacia.it/index.html, mentre l’intervista è apparsa sul Tg3 Regionale del 16 ottobre scorso a Enrico Molinari e Jacopo Casiraghi.

Ansia da esame..niente paura c’è Esame ok!

luglio 1, 2009

L’ansia da esame è uno dei peggiori nemici per studenti e professionisti nel corso di tutta la vita. C’è chi ne soffre maggiormente, chi la riesce a superare con facilità e chi fa di questa una vera e propria malattia. Ma come superarla?

Un metodo innovativo utilizza Esame Ok, un’applicazione gratuita per iPhone / iPod Touch per combattere proprio lo stress da esame: insegna a gestire le emozioni e ridurre al mimino l’ansia utilizzando solo il cellulare. Unico requisito: iniziare ad usarla una settimana prima dell’esame, tutti i giorni, una volta al giorno.

Ma come funziona? Prevede un training organizzato in sei sessioni audio/video della durata di 5 minuti ciascuna, un video per ognuno dei sei giorni antecedenti all’esame.
I primi 4 video presentano un ambiente virtuale naturale rilassante accompagnato da una voce fuoricampo che contestualizza l’esperienza multimediale ed insegna alcune tecniche di rilassamento. Gli ultimi 2 video, invece, simulano un’aula d’esame dove sono in corso alcune interrogazioni non sufficienti. L’obiettivo di essi è quello di verificare, in un contesto “protetto”, se le tecniche di gestione emotiva precedentemente insegnate possono essere considerate efficaci per gestire lo stress di un esame.

Una ricerca (Managing exam stress using UMTS phones: the advantage of portable audio/video support. Riva G, Grassi A, Villani D, Gaggioli A, Preziosa A. Stud Health Technol Inform. 2007;125:406-8), condotta su 90 studenti universitari, all’interno del corso di laurea in Scienze della Formazione, ha mostrato come gli studenti che avevano sperimentato prima dell’esame il protocollo multimediale hanno mostrato un livello d’ansia significativamente inferiore rispetto ai colleghi, ed un superiore senso di rilassamento, assicurando un esito positivo

Per chi non disponesse dell’iPhone gli stessi video sono presenti anche su Youtube

La versione per iPhone e iPod Touch di Esame OK è stata realizzata da Nextage SrL, una start-up tecnologica. La versione per YouTube è stata invece realizzata da Alessandra Grassi, dottoranda alla Scuola di Dottorato in Psicologia dell’Università Cattolica di Milano.

L’applicazione è stata ideata da Giuseppe Riva e Andrea Gaggioli, docenti di Psicologia e Nuove Tecnologie della Comunicazione all’Università Cattolica di Milano.

Esame ok: http://esameok.blogspot.com/

La psicologia e il Web 2.0

aprile 7, 2009

Un video carino che spiega benissimo cos’è il web 2.0…lo so che non è molto psicologico maquesta disciplina si evolve e oltre ai campi di applicazione si modificano anche gli strumenti utilizzati…

La psicologia della comunicazione e, in particolare, la psicologia dei nuovi media sono aree di questa disciplina che stanno conoscendo oggi un grande successo…e quindi…stiamo al passo!!!!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: